BREVE STORIA DEL VOLO

Dai tempi preistorici, gli esseri umani guardavano il volo degli uccelli, e desideravano imitarli, ma ne non avevano la capacità. La logica dettava che se i piccoli muscoli degli uccelli possono sollevarli  in aria e sostenerli, i muscoli più grandi degli esseri umani dovevano essere in grado di emulare l’impresa. Nessuno conosceva la trama intricata di muscoli, tendini, cuore, sistema respiratorio, che permettono ad un uccello di volare. Eppure, migliaia di anni e innumerevoli vite sono state perse nel tentativo di volare come gli uccelli. L’identità dei primi “uomini uccello” che si sono montati delle ali sulla schiena saltando da scogliere nel tentativo di volare si sono persi nel tempo, ma ogni fallimento ha posto a coloro che volevano volare domande che dovevano essere risolte. Dove avevano sbagliato, cosa era andato storto? Filosofi, scienziati e inventori offrivano soluzioni, ma nessuno potrebbe aggiungere Ali al corpo umano e farlo salire come un uccello. Durante il 1500, Leonardo da Vinci ha riempito pagine piene dei suoi quaderni con schizzi di proposte di macchine volanti, ma la maggior parte delle sue idee erano viziate perché si aggrappò all’idea di ali di antropomorfe simili a quelle degli uccelli.  

Dal 1655, il matematico, fisico e inventore Robert Hooke ha concluso che il corpo umano non possiede la forza per alimentare le ali artificiali. Credeva che il volo umano doveva richiedere una qualche forma di propulsione artificiale.

La ricerca del volo umano ha portato alcuni in un altra direzione. Nel 1783, il primo pallone ad aria calda con equipaggio, realizzato da Joseph e Etienne Montgolfier, volò per 23 minuti.

Dieci giorni dopo, il professor Jacques Charles ha fatto volare il primo pallone a gas. Una passione maniacale  per il volo in mongolfiera ha affascinato il pubblico e per un certo tempo gli appassionati di volo hanno diretto le loro competenze verso il volo con mezzi più leggeri dell’aria. Ma per con tutta la sua maestosità in aria, il pallone era poco più di un mucchio di stoffa fluttuante capace di andare in una sola direzione, il viaggio sottovento.

I palloni hanno risolto il problema della portanza o sollevamento, ma quello era solo uno dei problemi del volo umano. La capacità di controllare la velocità e direzione eludeva le capacità dei voli in pallone.  La soluzione a questo problema stava in un giocattolo  familiare ad un bambino Orientale da oltre 2.000 anni, ma non introdotto in Occidente fino al 13 ° secolo: l’aquilone. Gli aquiloni usati dai cinesi per l’osservazione aerea, per testare i venti per la vela, come dispositivo di segnalazione e come giocattolo, deteneva molti delle risposte per sollevare un dispositivo più pesante dell’aria nell’aria. Uno degli uomini che ha creduto che lo studio degli aquiloni avrebbe svelato i segreti del volo alato era Sir George Cayley. Nato in Inghilterra 10 anni prima del volo in mongolfiera, Cayley ha trascorso i suoi 84 anni cercando di sviluppare un veicolo più pesante dell’aria supportato da ali a forma di aquilone. Il “Padre della navigazione aerea”, Cayley scoprì la base principale su cui si basa la moderna scienza aeronautica; ha costruito quello che è riconosciuto come il primo modello volante di successo; e testato il primo aeroplano a grandezza naturale per il trasporto di persone.

 

George_Cayley_Glider

Per mezzo secolo dopo la morte di Cayley, innumerevoli scienziati, appassionati di volo, e gli inventori hanno lavorato alla costruzione di una macchina volante alimentata. Uomini come William Samuel Henson, ha progettato un enorme monoplanospinto da un motore a vapore alloggiato all’interno della fusoliera, e Otto
Lilienthal, che ha dimostrato che il volo umano in aereo più pesante dell’aria era possibile, lavorò verso il sogno del volo a motore. Un sogno trasformato in realtà da Wilbur e Orville Wright a Kitty Hawk, North Carolina, il 17 dicembre 1903. I fratelli Wright di Dayton, Ohio, costruttori di biciclette, avevano sperimentato per 4 anni alianti, con la loro galleria del vento fatta in casa e diversi motori per alimentare il loro biplano. Uno dei loro grandi risultati fu che stavano dimostrando il valore dell’approccio scientifico, piuttosto che il fai e prova. Il loro biplano, The Flyer, nacque da ispirazione, design e ingegneria combinati con maestria superiore. Il pomeriggio del 17 dicembre, i fratelli Wright avevano volato per un totale di 98 secondi su quattro voli. L’era del volo era arrivata.

Subscribe US Now